La bellissima ballata racconta con linguaggio spesso ermetico ed onirico le esperienze – in gran parte autobiografiche- che scandiscono la crescita umana di un personaggio emblematico della poetica di Fabrizio De André.

La canzone si apre con la ribellione-disubbidienza alla madre da parte dell’uomo ancora bambino, attratto dalla vita nomade e libera degli “zingari”. De Andrè non fa mistero peraltro della sua ammirazione per il popolo Rom, dichiarando in più occasioni che “…meriterebbe il premio per la pace in quanto popolo… perché attraversa da più di 2000 anni il mondo senza portare con sé alcun tipo di arma…”.

Il testo inizia quindi con l’avventura dell’allontanamento da casa con la scusa del gioco nel bosco da cui non tornerà mai più, continuando con la prima esperienza amorosa con la ragazza che lo inizia alla vita adulta e che da il nome alla composizione.

Il gusto del viaggio e la curiosità lo allontana anche da Sally, portandolo ad una traversata avventurosa sul dorso di un pesce d’oro, rappresentazione della ricchezza della conoscenza del mondo, e cieco, cioè senza una meta precisa.

Giunto presso una città avviene il cruciale incontro con la miseria dei margini della società, con gli ultimi ed i luoghi dove sopravvivono, entrando in sintonia con essi impersonati da Pilar del mare, una tossicodipendente.

Un giorno ritrova quest’ultima morta con ogni probabilità per overdose. L’episodio raccontato in modo crudo ma metaforicamente molto profondo, lascia intendere la maturazione del viandante, che assistendo al gesto della donna non interviene, preferendo diventare “assassino” e lavarsene le mani, lasciando che si compia il libero arbitrio.

L’avventura solitaria e personale lo porta ancora ad approdare ad un luogo degradato, sottolineando quanto gli stia a cuore la marginalità sociale, frequentato da prostitute, verso cui dimostra interesse umano rappresentato dal dono di un braccialetto, e protettori, condannandoli come sfruttatori e definendoli “re dei topi”.

La canzone si chiude con il ritorno al luogo dove aveva incontrato una adolescente Sally, di cui si era invaghito e capisce di aver trovato la sua casa, il posto dove vivere, l’amore.


Testo di riferimento
Sally